Nieuwsbrief
Pressa-Stagione 2011/2012
Rotterdam, agosto 2011

Van Eyck

Il museo Boijmans Van Beuningen esporrą le tele di questo artista, da tempo ritenuto inventore della pittura a olio.

Hubert van Eyck, The three Maria's at the grave, oil on panel, 1425-1435, acquired with the collection of D.G. van Beuningen 1958
Hubert van Eyck, The three Maria's at the grave, oil on panel, 1425-1435, acquired with the collection of D.G. van Beuningen 1958

De weg naar Van Eyck (Il cammino verso Van Eyck)
Dal 13 ottobre 2012 al 13 gennaio 2013

Opere estremamente preziose e fragili di Jan van Eyck, uno dei geni europei della pittura (Maaseik ?, circa 1390 – Bruges 1441), giungeranno a Rotterdam alla fine del 2012 da tutta Europa e dagli Stati Uniti. Il museo Boijmans Van Beuningen esporrà le tele di questo artista, da tempo ritenuto inventore della pittura a olio.

LINK COMMUNICATO STAMPA HIGH RES IMMAGINI

Ovunque la pittura del XV secolo è conservata gelosamente o con parsimonia; nei Paesi Bassi le opere di questo periodo hanno sofferto particolarmente per iconoclastia e modernizzazione. Alla fine del 2012 il museo Boijmans Van Beuningen abbatterà le barriere geografiche e linguistiche e organizzerà un'esposizione unica nel suo genere, per offrire una visuale sui Paesi Bassi, il Belgio, il nord della Francia e la Germania dell'epoca, la fonte di ispirazione di Jan van Eyck e dei suoi contemporanei. De weg naar Van Eyck (Il cammino verso Van Eyck) mette in luce le fonti di ispirazione dell'artista e le sue opere, prima dello sviluppo del suo stile di raffigurazione rivoluzionario e realista, come testimoniato ad esempio dal polittico dell’Agnello Mistico realizzato nel 1432.

Scambi internazionali
Il periodo attorno al 1400 è contraddistinto da numerose innovazioni, in seguito riprese e sviluppate da artisti come Van Eyck. Si tratta di capolavori numerosi, ma sconosciuti, che hanno formato la base grazie a cui Van Eyck e le generazioni successive hanno potuto spingere fino all'estremo la raffinatezza delle composizioni.
Nel XV secolo le idee artistiche e i bozzetti, ma anche i capolavori e gli stessi artisti, viaggiavano molto in Europa; i principi, spesso committenti delle opere più prestigiose, erano in continuo contatto gli uni con gli altri e anche le grandi città commerciali del periodo, come Parigi, Amsterdam e Roma, favorivano un incredibile scambio culturale e di oggetti. Spesso è quindi impossibile determinare la provenienza (Italia Settentrionale, Paesi Bassi, Francia o ancora Germania) di un capolavoro. L'arte del periodo che va dal 1390 al 1430 è stata troppo spesso catalogata sotto il termine "gotico internazionale".

Quadri
Il nucleo dell'esposizione è rappresentato da opere su pannelli di legno, perché all'epoca la pittura su tela era ancora poco diffusa. I disegni occupano comunque un posto molto importante, ma fanno parte dell'esposizione anche miniature, statue e gioielli, per offrire una visione il più possibile completa sull'arte di questo periodo. I quadri di Jan van Eyck e le opere degli artisti a lui vicini formano la vasta parte finale della mostra, che presenta un gruppo di opere molto contestate: diversi dipinti finora attribuiti al periodo della giovinezza del pittore, oppure al misterioso fratello maggiore Hubert, e anche opere tardive di Jan o della sua bottega.

Catalogo
In occasione della mostra sarà pubblicato un catalogo riccamente illustrato.

Back